aggiornare a Windows 10

Come aggiornare a Windows 10

In quasi un anno di attività, Windows 10 ha già avuto moto di dimostrare le sue potenzialità e la sua attenzione alla community. Molti tra i nostri clienti ci chiedono se sia necessario, se convenga, e soprattutto come aggiornare a Windows 10.

Come fare per passare da windows 7 o Windows 8 a Windows 10?

Dobbiamo ricordare che Microsoft, come campagna promozionale, ha reso gratuito l’aggiornamento a Windows 10 solo fino al 29 Luglio 2016. Manca meno di un mese!La domanda allora può essere: devo aggiornare a Windows 10 anche se il sistema operativo che ho ora funziona bene?

Vediamo, quindi, quali sono i benefici di un upgrade al nuovo sistema Microsoft e come aggiornare a Windows 10.

Microsoft Account

Uno dei veri e propri cambiamenti nell’ecosistema di Windows, è stato l’inserimento dell’Account Microsoft come account PC.

Questa nuova funzionalità permette di associare i vostri files (come documenti e impostazioni) ad un solo account, permettendovi di non perderli qualora dobbiate cambiare o formattare pc a seguito di un guasto o un upgrade. Inoltre rende continua l’esperienza su XBox, smartphone e tablet, rendendo disponibili gli stessi documenti attraverso i dispositivi.

Grazie ad una combinazione di Microsoft OneDrive e Box, al momento del login le impostazioni, i documenti e le app e saranno ripristinati, senza l’ausilio della classica penna usb. Sicuramente molto tempo risparmiato.

Upgrade continui

Microsoft ha dichiarato che Windows 10 sarà l’ultimo Windows ad essere numerato. Seguendo l’esempio di Apple con Mac OSX, le future “versioni” di Windows saranno integrate tramite update sequenziali che rendono Windows 10 un servizio piuttosto che un singolo software.

Non meno importante, ma più d’impatto per l’utente, è la scomparsa della tediosa notifica di “Riavvio del computer per il completamento dell’installazione di importanti aggiornamenti”. Finalmente non dovrete più preoccuparvi di controllare il vostro pc ogni 4 ore per non perdere il vostro lavoro.

Prestazioni

Una delle migliorie più d’impatto è sicuramente il ridotto tempo di boot, specialmente se si utilizza il bios in modalità UEFI (Link Microsoft) e un SSD. Non di meno vengono utilizzate meglio le risorse hardware e si ha una generale riduzioni dei consumi, specialmente in combinazione con i processori più recenti.

Dal punto di vista grafico vediamo l’introduzione delle nuove librerie DirectX 12, primo grande passo verso il futuro del Gaming per un utilizzo più efficiente della GPU e CPU.

Design

Windows 10 continua sulla linea grafica imposta dal precedente Windows 8, con finestre appiattite e colori scuri, decisamente in contrasto con il vecchio 3D arrotondato di Windows 7.

Vengono inoltre aggiunte nuove finestre per la gestione del computer, molto più semplici da utilizzare con schermi touch.

La presenza del classico tasto Start rassicura la maggior parte degli utenti, integrando molte nuove funzionalità di ricerca e le ormai consuete Apps del Windows Store.

Come aggiornare a Windows 10

Se vi siete convinti o siete anche solo curiosi, vediamo come aggiornare a Windows 10.

Questa guida presuppone che abbiate già installato nel vostro sistema Windows 7 oppure Windows 8.

Attenzione! E’ possibile che alcune app, applicazioni e configurazioni del sistema vengano perse perchè incompatibili con Windows 10.

  1. Avrete sicuramente notato l’icona in basso a destra, nell’area notifiche, che da un po’ di mesi vi chiede di aggiornare a Windows 10. Cliccateci sopra per aprire la finestra di aggiornamento.

 

aggiornare a Windows 10

2. La finestra che appare vi chiederà di cominciare la procedura di aggiornamento. In poche semplici conferme il sistema comincerà l’aggiornamento, come fosse un classico update di Windows. In caso non fosse già stato fatto, il sistema provvederà a scaricare Windows 10.

Install

3. Al termine della procedura sul vostro vecchio Windows, verrà riavviato il sistema.Vi troverete davanti la seguente schermata

Windows 10 boot install

Questa fase può durare più o meno in base al disco su cui è installato Windows. Ovviamente un SSD sarà molto rapido nell’installazione, rispetto ad un HDD tradizionale.

4. Si passa ora alla fase finale in cui vi è richiesto di inserire le vostre preferenze sulla privacy, il vostro account Microsoft (se ne avete uno) e le impostazioni di rete necessarie a controllare se ci sono importanti aggiornamenti necessari all’installazione.

Account

5. Terminato il setup finale avrete accesso al vostro nuovo Windows 10!

Per supporto con l’upgrade, nuove installazioni, backup dei dati e installazione in modalità UEFI(fast boot), contattateci alla nostra email info@idealizesolutions.com.