Realizzazione siti web Vicenza

Come promuovere un’attività: realizzazione di un sito web

 

Può sembrare scontato, ma tra le attività iniziali abbiamo pensato di realizzare un nuovo sito internet per il TAV Nuovo Borgo di Montebello Vicentino. Del resto, la realizzazione di siti web è una delle attività che ci piace eseguire con molta attenzione. E’ stato scritto e riscritto, ma lo ripetiamo anche noi: il sito internet è un biglietto da visita per un’attività. Con una buona strategia di SEO (Search Engine Optimization) potete decidere cosa comunicare ai vostri potenziali clienti che cercano informazioni su di voi o, meglio, sulla vostra area di business. C’è un’enorme differenza tra il “non esistere” su internet ed il comparire nelle ricerche su Google, attirare dei visitatori, e comunicargli efficacemente chi siete, di cosa vi occupate, e soprattutto cosa potete fare per loro.

Ma un sito web non è solamente il biglietto da visita per un’azienda. Nel caso del Nuovo Borgo, ad esempio, il sito precedente era utilizzato dai tiratori per vedere i programmi delle gare e le relative classifiche. In questo caso, quindi, il sito diventa un servizio utile (quasi indispensabile) per i propri clienti ed aiuta a fidelizzarli.

Le domande che ci siamo posti sono state essenzialmente queste:

  • Qual è il nostro target di utenza? Nel nostro caso, principalmente persone appassionate al tiro al piattello, o persone che potrebbero essere interessate a questa disciplina
  • A cosa deve servire il sito? Innanzitutto, far conoscere a queste persone che esiste il Tiro A Volo Il Nuovo Borgo e rendere noto ciò che offre per portarle poi fisicamente all’interno dell’associazione. Occorre poi favorire il più possibile la comunicazione con il potenziale cliente (dati di contatto, form per richieste…). Altro scopo del sito è quello di fornire le notizie per i tiratori che già frequentano l’ambiente (classifiche, programmi delle gare…)

Il sito originale del TAV Nuovo Borgo si presentava così:

sito tav nuovo borgo

Vecchio sito TAV Nuovo Borgo

Il primo problema era chiaramente la grafica datata, che trasmetteva quindi un’immagine poco moderna o poco curata dell’attività. Andava bene quando era stato realizzato, ma la tecnologia, si sa, cambia velocemente. Ma soprattuto non era responsive, e quindi inadatto alla visualizzazione da smartphones e tablets. Inoltre, sotto il “cofano” di un sito c’è del codice HTML, che deve essere strutturato bene affinché le pagine siano il più possibile indicizzabili dai motori di ricerca.

Da non sottovalutare il lato pratico nell’aggiornamento da parte degli addetti alle news. Il sito veniva modificato localmente da un’operatrice con il software WebSite X5 (con limitazioni imposte dal programma) e caricato poi sul server web. Classifiche, programmi delle gare ecc venivano redatti in pdf o in Excel e linkati nelle pagine. Immaginate ora di visualizzare il sito dal vostro telefono ed essere costretti a scaricarvi un documento .xls per vedere il vostro piazzamento in gara. Mica bello.

Realizzazione di un sito in Worpdress

Niente di originale sulla tecnologia utilizzata per realizzare il nuovo sito: abbiamo creato una nuova istanza di WordPress nei nostri server, l’abbiamo dotata di un tema accattivante ed abbiamo analizzato il vecchio sito per capire quali fossero le sezioni ed i contenuti da riportare nel nuovo sito. Abbiamo quindi studiato l’homepage ed i menu in modo da far risaltare le informazioni più importanti, ed abbiamo predisposto categorie e tags per i contenuti futuri.

Abbiamo concordato con l’associazione che sarebbe stato utile che il sito avesse anche un blog, per questi motivi:

  • Gestire le news in modo semplice ed efficace, mantenendo il sito aggiornato
  • Creare agevolmente nuovi contenuti “di contorno” per dare maggiore visibilità al sito (ad esempio, recensioni su fucili e cartucce)

Prevedere all’inizio una struttura per i contenuti di un sito è molto importante, soprattutto quando si parla di WordPress. Definire delle categorie permette di creare una struttura verticale dei contenuti, raggruppando gli articoli in un ordine gerarchico ed aiutando il visitatore a non perdersi. Quindi, abbiamo pensato a come dovesse essere strutturato il sito.

I tag, d’altra parte, permettono un collegamento orizzontale tra i contenuti, senza gerarchie, e vanno definiti già all’inizio per evitare un proliferamento degli stessi. E’ inutile avere solo un articolo taggato “fucile XYZ”: non sarà collegato a nessun altro contenuto del sito. Viceversa, avere un tag “fucile” ci permette di collegare tra loro tutti gli articoli che trattano di un fucile generico. E’ bene quindi prendersi un momento per capire quali sono gli argomenti che il blog andrà a trattare.

Le foto per il sito web

Un’immagine vale più di mille parole, e quando si vuole creare un sito originale, delle belle fotografie sono importanti. Le immagini aiutano a:

  • Creare un sito che non sia uguale ad altri siti creati a partire dallo stesso tema
  • Mostrare visivamente come si presenta l’attività senza basarsi solamente sulle parole
  • Avere contenuti originali ed inediti
  • Rendere i testi più piacevoli da leggere
  • Favorire la SEO, dotando i testi del sito di contenuti multimediali visualizzabili anche nelle condivisioni sui social networks
foto per sito web

Foto per sito web

Spesso per il proprio sito si cercano immagini su Google. Oltre a rischiare di incorrere nella violazione di copyright, utilizzeremo del contenuto non originale nei nostri articoli, il che non è mai ottimale. Altre volte si fanno foto con uno smartphone o, nel migliore dei casi, con una reflex, con risultati poco esaltanti e che comunicano poca professionalità. Rivolgersi ad un professionista in questi casi paga: oltre ad avere delle belle foto con la giusta luce e la giusta inquadratura (e sono cose che si notano), un bravo fotografo sa come trasmettere al meglio ciò che si vuole comunicare. Lo stesso soggetto può smuovere emozioni diverse (o non comunicare proprio niente): è compito del fotografo studiare al meglio tutti questi aspetti.

Per questi motivi abbiamo stabilito gli obiettivi comunicativi assieme a Luca Rizzi e dopo un primo sopralluogo al Nuovo Borgo abbiamo organizzato un pomeriggio di shooting. Oltre a scattare le foto “principali” per il sito, Luca si è preoccupato di creare un archivio variegato di fotografie da poter utilizzare dal Nuovo Borgo per i futuri articoli del blog.

Migrazione dal sito vecchio al sito nuovo

Chiaramente, la struttura del nuovo sito sarebbe stata diversa dalla struttura del vecchio sito. I contenuti sarebbero stati organizzati diversamente, e quindi molte URL sarebbero cambiate. Cosa bisogna fare quando i contenuti di un sito cambiano URL?

Prendiamo come esempio una pagina con l’URL www.sito.it/realizzare-siti.html e poniamo che nel nuovo sito, i contenuti di questa pagina (o contenuti simili) siano presenti all’URL www.sito.it/realizzazione-siti-web. Si presentano due problemi fondamentali:

  • I link presenti sul web che puntano alla vecchia URL, dopo il lancio del nuovo sito non saranno più validi, e i visitatori vedranno una pagina 404 (pagina non trovata). Se il sito è semplice e strutturato bene, il visitatore riuscirà a trovare comunque le informazioni che cerca, ma chiaramente questa situazione non è ottimale.
  • L’URL vecchia, presumibilmente, sarà presente nel database di Google e di altri motori di ricerca. Per i suoi contenuti, i link da altri siti web, le condivisioni sui social networks ecc. avrà maturato una certa rilevanza per determinate parole chiave. Vogliamo davvero perdere questi posizionamenti su Google eliminando la pagina e ricominciando tutto il lavoro?

E’ quindi importante reindirizzare ai nuovi contenuti i visitatori che seguono dei link vecchi, ed è ancora più importante informare i motori di ricerca che i contenuti ci sono ancora, sono solo presenti ad un URL diversa. Grazie al 301 redirect possiamo reindirizzare gli utenti ai nuovi contenuti e trasferire il “punteggio” della vecchia pagina a quella nuova.

Per il sito del TAV Nuovo Borgo abbiamo utilizzato un plugin per WordPress, chiamato Redirection, che permette appunto di impostare dei reindirizzamenti 301 da vecchie URL a nuove URL. Dato che il sito vecchio non aveva una struttura particolarmente complessa, abbiamo optato per il redirect eseguito da WordPress, ma il plugin permette anche di creare regole per Apache, che verranno salvate nel file .htaccess presente nella cartella di installazione di WordPress.